Tabella tributi catastali Agenzia delle Entrate

Le ispezioni catastali, così come i certificati e le volture, sono soggette al pagamento dei tributi catastali. La Circolare della Agenzia delle Entrate specifica nel dettaglio i costi da sostenere. Abbiamo quindi pensato di realizzare una dispensa gratuita contenente la tabella stabilita dall'Agenzia delle Entrate. In questo modo potrai capire quali sono i costi da sostenere.

I tributi catastali

L'accesso alle banche dati ipotecaria e catastale è disciplinato dalla Circolare Agenzia delle Entrate n. 4/2012. Questa illustra quanto introdotto dall'art. 6 del decreto legge n. 16 del 2012, c.d. Decreto Fiscale. Inoltre nella Circolare sono indicati anche gli importi relativi ai tributi speciali catastali.

La tabella trova applicazione dal 1° ottobre 2012 e prevede il pagamento per la consultazione degli atti del Catasto. Inoltre, sono indicate le tariffe per la presentazione degli atti di aggiornamento del Catasto Fabbricati.

Scarica la tabella tributi catastali

I servizi che prevedono i tributi catastali

Il pagamento dei tributi catastali è previsto ad esempio per:

  • visure catastali, ovvero quei documenti che individuano l’esatta ubicazione di un bene immobile;
  • estratto di mappa, permette di individuare l’ubicazione di un immobile rispetto ai confinanti;
  • voltura catastale, consente di aggiornare la ditta catastale a seguito di un atto pubblico (compravendita immobiliare, decreto di trasferimento, dichiarazione di successione, ecc..).

La nuova riscossione delle tasse ipotecarie e dei tributi catastali

Con il provvedimento Prot. n. 120473/2017 del 28.06.2017 sono state emanate disposizioni sulla riscossione delle tasse ipotecarie e dei tributi catastali da corrispondere agli Uffici Provinciali - Territorio. Particolarmente rilevanti le modalità di riscossione alternative al denaro contante. È previsto l’utilizzo di carte di debito o prepagate e di altri strumenti di pagamento elettronico.

A partire dal 1° luglio 2017, infatti, è stato infatti introdotto il modello F24 Versamenti con elementi identificativi (F24 ELIDE). Il modello F24 potrà essere utilizzato come modalità di pagamento per:

  • imposte e delle tasse ipotecarie;
  • tributi speciali catastali e relativi accessori;
  • interessi e delle sanzioni amministrative;
  • atti di aggiornamento catastali;
  • ogni altro corrispettivo dovuto agli Uffici Provinciali-Territorio connesso al rilascio di certificati, copie e attestazioni, estrazione dati e riproduzioni cartografiche.
Fonte: Agenzia delle Entrate

Tag: Agenti Immobiliari, Catasto

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com.

Riproduzione riservata ©

Autore: Redazione

Redazione

La Redazione di Smart Focus è composta da esperti in fiscalità e tributi (commercialisti, fiscalisti e tributaristi), in normative e legislazione (notai ed avvocati) nonché da professionisti (ingegneri, architetti, geometri, esperti visuristi, agenti immobiliari), in grado di affrontare le tematiche di attualità economica, fiscale e tributaria con l’obiettivo di fornire sempre informazioni complete, chiare ed aggiornate in modo semplice ed immediato.

Potrebbero interessarti anche

Aggiungi un commento

TROVA CIO' CHE TI SERVE
    Visura Italia Smart Focus banner sidebar

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti per essere sempre aggiornato su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi.

    Seguici

    smart-focus-visureitalia-banner-pubblicita