Relazione ipotecaria completa online.

Notai, Visure

La legge di bilancio prevede una innovazione in ambito immobiliare. La creazione di una relazione ipotecaria completa disponibile online con i dati sulle compravendite immobiliari. I dati saranno disponibili per cittadini ed operatori professionali operanti nel mercato immobiliare. Scopriamo i vantaggi ed i limiti di questa riforma.

Relazione ipotecaria completa Relazione ipotecaria completa

La data prevista di attivazione del servizio è il 30 giugno 2017. La legge di bilancio punta in questo modo a calendarizzare l'apertura dei dati presenti nelle banche dati pubbliche. Interessati alla manovra sono proprio le banche dati del Catasto e della Conservatoria. Questi verranno integrati con i dati OMI, Osservatorio del Mercato Immobiliare. Una riforma che porterà innovazione nel mercato immobiliare ma che rischia di creare anche una certa confusione.

Il mancato allineamento delle due banche dati principali, infatti, potrà determinare errori di informazione e di conseguente valutazione. Senza sottovalutare il rispetto della legge sulla Privacy. Alcune informazioni riservate presenti negli atti notarili non hanno infatti tuttora evidenza pubblica.

Quali dati saranno presenti nella relazione ipotecaria

Ancora non è chiaro quali saranno i dati che verranno resi pubblici. Attualmente, dopo la stipula dell'atto notarile, il notaio provvede a trasmettere la nota di trascrizione ed il titolo telematico. Entrambi i documenti possono essere consultati online attraverso una visura della nota di trascrizione e una visura del titolo in Conservatoria. Nella nota sono contenuti i dati dei soggetti, a favore e contro, intervenuti all'atto notarile, così come i dati dell'immobile.

Prezzo di vendita

Il prezzo di vendita non è indicato nella nota così come non si ha evidenza delle modalità di pagamento e di eventuali accolli di mutuo. Per verificare queste informazioni occorre necessariamente eseguire una visura del titolo in Conservatoria. Da precisare che non sempre i notai provvedono a trasmettere il titolo telematico. Di conseguenza, è indispensabile effettuare una visura in Conservatoria per ricercare il titolo, ossia l'esatta copia conforme all'atto notarile. In questo, può essere allegata la planimetria catastale dell'immobile che però, nel rispetto della Privacy, non è consultabile online neanche dal proprietario dell'immobile.

Gli errori del Catasto

Le incongruenze relative ai dati negli uffici di pubblicità immobiliare vanno confrontate con quelle presenti in Catasto. Abbiamo già esaminato alcuni errori del Catasto presenti nelle visure catastali. Sostanzialmente, la mancata voltura catastale dei trasferimenti di diritti reali, determina spesso una incongruenza nei dati. Ma gli errori riguardano spesso anche i dati dell'immobile. Lo stesso disallineamento tra l'indirizzo indicato nella visura catastale e la toponomastica del Comune comporta grossi rischi. Inoltre, gli stessi uffici catastali provvedono ad effettuare delle variazioni d'ufficio delle particelle catastali. Ecco quindi che i dati catastali degli immobili non collimano con quelli inseriti dal notaio nell'atto notarile.

La superficie catastale

La stessa superficie dell'immobile, introdotta nel 2015 nelle visure catastali, è desunta da una parametrazione dei vani e non corrisponde alla superficie reale dell'immobile. L'indicazione dei metri quadri nelle visure catastali dovrebbe corrispondere a quanto indicato nella planimetria catastale. Eventuali modifiche e correzioni sono a carico del proprietario dell'immobile. Peraltro, la finalità è puramente fiscale ai fini della TARI ed il dato della metratura commerciale non è in alcun modo validato.

Come ottenere una relazione patrimoniale completa online

Il servizio di relazione patrimoniale completa, disponibile online, consente di ottenere le seguenti informazioni:

  • dati anagrafici completi dei soggetti, a favore e contro, intervenuti alla stipula dell'atto notarile
  • dati catastali dell'immobile, verificati sia in Catasto sia in Conservatoria
  • atto di provenienza che identifica la titolarità giuridica dell'immobile in capo al proprietario
  • prezzo di vendita ed indicazione delle modalità di pagamento e di eventuali accolli di mutuo
  • elenco delle formalità sviluppate (fino a 5)
  • dettaglio di ipoteche e pregiudizievoli
  • planimetria catastale dell'immobile
  • visura catastale storica dell'immobile, con indicazione ed evidenza di particelle catastali soppresse e nuove particelle generate

La relazione patrimoniale può essere integrata da una valutazione immobiliare che evidenzia il valore dell'immobile con indicazione dei valori di riferimento di mercato. In questo modo, attraverso un unico documento, si dispone di una relazione ampiamente esaustiva alla quale verranno allegati i singoli atti notarili e documenti.

Tag: Notai, Visure

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com.

Riproduzione riservata ©

Autore: Redazione

Redazione

La Redazione di Smart Focus è composta da esperti in fiscalità e tributi (commercialisti, fiscalisti e tributaristi), in normative e legislazione (notai ed avvocati) nonché da professionisti (ingegneri, architetti, geometri, esperti visuristi, agenti immobiliari), in grado di affrontare le tematiche di attualità economica, fiscale e tributaria con l’obiettivo di fornire sempre informazioni complete, chiare ed aggiornate in modo semplice ed immediato.

Potrebbero interessarti anche

Aggiungi un commento

TROVA CIO' CHE TI SERVE
    Visura Italia Smart Focus banner sidebar

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti per essere sempre aggiornato su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi.

    Seguici

    smart-focus-visureitalia-banner-pubblicita