Equitalia sarà sostituita da EquiEntrate. Quali novità per i contribuenti?

News, Privati

Lo ha dichiarato il premier Matteo Renzi all'assemblea ANCI riunitasi a Bari il 13 ottobre "Equitalia sarà rottamata!". Si va quindi verso la abolizione dell'ente di riscossione di fatto più odiato dagli italiani. Ma cosa cambierà (se effettivamente cambierà qualcosa) per i contribuenti ?

Equitalia Equitalia

 

Equitalia sarà quindi abolita dal 31 dicembre 2016. E' previsto nella Legge di Stabilità 2017. Sarà sostituita da un modello diverso di agenzia, con una riorganizzazione del rapporto tra il cittadino e lo Stato. Si inizia con la introduzione di un servizio SMS che dal 7 novembre notificherà al contribuente il ritardo nel pagamento dei tributi.

Da Equitalia a Equientrate. Quali novità?

La nuova agenzia si chiamerà Equientrate. Dal nome si evince chiaramente che sarà sotto il controllo diretto dell'Agenzia delle Entrate. Tutti i tributi, anche quelli non di diretta competenza dell'Agenzia (INPS, INAIL, TASI, IMU, TARI ..) saranno quindi gestiti da Equientrate dal 1 gennaio 2017.

Naturalmente, l'abolizione non significa automaticamente una sanatoria delle pendenze verso il Fisco. Se si decide di non pagare una cartella esattoriale le conseguenze sono pesanti. Quello che la Legge di Stabilità 2017 vuole introdurre è un rapporto meno vessatorio dello Stato verso i contribuenti.

Ad oggi la riscossione dei tributi è gravata, in caso di ritardo del pagamento, da sanzioni, interessi e dall'aggio di riscossione. Tutte voci che fanno lievitare il totale con un aggravio di spese per il contribuente. In effetti, tutte queste voci aggiuntive non sono stabilite dall'ente di riscossione ma da apposite leggi fiscali che l'ente si limita ad applicare. L'aggio di riscossione, in particolare, è stato introdotto per recuperare i costi dell'ente di riscossione.

La creazione di un nuovo ente, Equientrate, ha l'obiettivo di separare le competenze relative a queste voci tra l'Agenzia delle Entrate ed il Ministero dell'Economia. In questo modo, si potrebbe ipotizzare l'eliminazione dell'aggio di riscossione ed il mantenimento dei soli interessi legali. Naturalmente il condizionale è d'obbligo perché solo dopo l'approvazione e la stesura definita delle Legge di Stabilità si potrà verificare se e come verrà modificato il sistema di riscossione.

 

Tag: News, Privati

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com.

Riproduzione riservata ©

Autore: Redazione

Redazione

La Redazione di Smart Focus è composta da esperti in fiscalità e tributi (commercialisti, fiscalisti e tributaristi), in normative e legislazione (notai ed avvocati) nonché da professionisti (ingegneri, architetti, geometri, esperti visuristi, agenti immobiliari), in grado di affrontare le tematiche di attualità economica, fiscale e tributaria con l’obiettivo di fornire sempre informazioni complete, chiare ed aggiornate in modo semplice ed immediato.

Potrebbero interessarti anche

Aggiungi un commento

TROVA CIO' CHE TI SERVE
    Visura Italia Smart Focus banner sidebar

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti per essere sempre aggiornato su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi.

    Seguici

    smart-focus-visureitalia-banner-pubblicita