Spese condominiali di casa pignorata: chi paga?

A chi spetta il pagamento del condominio di una casa pignorata e a chi spettano le spese straordinarie e ordinarie? Al creditore o al debitore?

spese casa pignorata

Dopo che su un immobile è stata iscritta un'ipoteca, la banca ha dato il via alle procedure di pignoramento e all'esecuzione forzata con la vendita all'asta in tribunale, a chi spetta il pagamento delle spese di condominio? Un approfondimento sul pagamento del condominio di una casa pignorata.

A chi spetta pagare il condominio di casa una pignorata?

Anche in seguito all'iscrizione di un'ipoteca e al successivo pignoramento immobiliare che viene intrapreso dal creditore, la proprietà della casa continua ad essere del debitore. Fino a quando? Fino all'esito dell'esecuzione forzata, quando cioè il giudice pronuncia il decreto di trasferimento dell'immobile in favore del soggetto che si è aggiudicato l'asta in tribunale.

La conseguenza è che tutte le spese di manutenzione sia ordinaria che straordinaria dell'immobile spettano all'effettivo proprietario, quindi al debitore, che resta l'unico soggetto a dover corrispondere le spese condominiali fino al trasferimento di proprietà dell'immobile al nuovo acquirente.

Spese condominiali di casa pignorata non corrisposte

Cosa succede se tali importi dovuti per le spese condominiali non vengono corrisposti? Il condominio potrà agire con un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo: significa che si potrà procedere all'esecuzione forzata nei confronti del condomino moroso senza dover attendere i 40 giorni di prassi dalla data di notifica del decreto ingiuntivo stesso.

In questo caso, l'amministratore potrà agire senza l'approvazione dell'assemblea condominiale, procedendo a:

  • nominare un avvocato di fiducia
  • notificare l'atto di precetto
  • azionare il pignoramento nei confronti del debitore.

L'atto di precetto non è altro che un'intimidazione con cui viene sollecitato il pagamento entro 10 giorni, per l'ultima volta prima di procedere al pignoramento.

Ma come si procede in questo caso nel quale la casa è già pignorata? Il condominio potrà aggiungersi all'esecuzione forzata in corso, partecipare all'eventuale ricavato della vendita o pignorare altri beni come lo stipendio, la pensione, il conto corrente o il veicolo del debitore.

Il procedimento sopra indicato vale anche nel caso delle spese straordinarie di conservazione dell'immobile pignorato. I giudici, infatti, sono orientati a ritenere che sia la manutenzione ordinaria che quella straordinaria competano solamente al debitore il quale, essendo anche il custode del bene,deve fare in modo che lo stesso non venga deprezzato e non perda valore nel tempo per mancata manutenzione.

Leggi anche > Le rateazioni Equitalia non bloccano il fermo auto

Tag: Amministratori Condominio, Recupero Crediti

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com.

Riproduzione riservata ©

Autore: Redazione

Redazione

La Redazione di Smart Focus è composta da esperti in fiscalità e tributi (commercialisti, fiscalisti e tributaristi), in normative e legislazione (notai ed avvocati) nonché da professionisti (ingegneri, architetti, geometri, esperti visuristi, agenti immobiliari), in grado di affrontare le tematiche di attualità economica, fiscale e tributaria con l’obiettivo di fornire sempre informazioni complete, chiare ed aggiornate in modo semplice ed immediato.

Potrebbero interessarti anche

Aggiungi un commento

TROVA CIO' CHE TI SERVE
    Visura Italia Smart Focus banner sidebar

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti per essere sempre aggiornato su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi.

    Seguici

    smart-focus-visureitalia-banner-pubblicita