Compravendite in crescita nel I trimestre 2018

Il mercato immobiliare continua ad essere un settore trainante dell'economia italiana. Lo confermano i dati rilevati dall'Istat. Nel I trimestre 2018 le compravendite sono cresciute dello 0,6% rispetto al trimestre precedente. Le isole ed il sud Italia segnano i dati più incoraggianti.

trend-immobiliare-2018-visureitalia

Il trend delle compravendite in Italia

Se si analizzano i dati relativi al numero di compravendite, i segnali sono tutti positivi. Il numero totale degli atti notarili è stato pari a 176.687. Il settore residenziale cresce (+ 0,5%) ma ancora di più è in salita quello commerciale (+1,3%).

  • compravendite: + 0,6% rispetto al quarto trimestre 2017
  • transazioni immobiliari: + 4,2% rispetto al 2017
  • mutui e finanziamenti ipotecari: + 1,5% rispetto al trimestre precedente

I dati sono su base nazionale, ma sono le isole e il Sud Italia a mostrare i dati più promettenti. Le transazioni immobiliari nelle isole sono cresciute del +8,4% dove, anche nel comparto abitativo, le isole segnano un +4,0% di crescita. Se confrontati con l'anno precedente, i segnali di ripresa distribuiti geograficamente sono molto interessanti:

  • Isole +10,9%
  • Sud +6,9%
  • Centro +4,2%
  • Nord est +3,9%
  • Nord ovest +2,1%

I prezzi delle case nelle compravendite immobiliari

Il mercato immobiliare in Italia, dopo la batosta degli anni bui, ha iniziato una timida ripresa nel 2014. A partire dal II trimestre 2015, si è avuto un recupero del 37% rispetto ai valori minimi del 2013. Ma c'è un dato che ancora non si è ripreso. I prezzi delle case sono ancora bassi, in alcuni casi anche in riduzione. I dati Istat rilevano un valore in calo dello 0,3%

È quanto è stato rilevato dal Rapporto Immobiliare Residenziale 2018 realizzato dall'OMI, Osservatorio Mercato Immobiliare, e dall'ABI, Associazione Bancaria Italiana. Infatti, se il numero totale delle compravendite continua a far segnare progressi, il prezzo di vendita degli immobili, soprattutto nel settore abitativo, è stabile o in riduzione.

Quali possono essere le cause? Sono due gli ordini di fattori che incidono sul prezzo degli immobili:

  1. in primo luogo, il numero totale di immobili disponibili sul mercato è invenduti; oltre ai NPL (Non performing loan) con centinaia di migliaia di immobili difficili da vendere di proprietà di banche e finanziarie, sono moltissimi anche gli immobili di proprietà che hanno difficoltà a trovare un acquirente. In molti casi, l'offerta supera la domanda
  2. l'andamento dell'economia italiana non è stabile e la crescita prevista per il 2018 sarà presumibilmente minima; di conseguenza, non si ha e non si avrà inflazione: i prezzi rimarranno stabili o dovranno adeguarsi alle (poche) richieste dei promittenti acquirenti.

 

Fonte: ISTAT, Istituto nazionale di Statistica
 

Tag: News, Agenti Immobiliari

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com.

Riproduzione riservata ©

Autore: Paolo Baita

Paolo Baita

Ha conseguito la laurea in Scienze Politiche e un Master in Gestione ed Amministrazione del patrimonio immobiliare degli enti ecclesiastici e religiosi. Dal 1996 svolge la libera professione nella gestione e messa a reddito di patrimoni immobiliari. Nel 1999 ha intrapreso l’attività nel settore delle informazioni immobiliari, collaborando con i principali istituti di credito e gli enti di riscossione. Segue con attenzione lo scenario attuale e le evoluzioni del mercato immobiliare.

Potrebbero interessarti anche

Aggiungi un commento

TROVA CIO' CHE TI SERVE
    Visura Italia Smart Focus banner sidebar

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti per essere sempre aggiornato su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi.

    Seguici

    smart-focus-visureitalia-banner-pubblicita