Box auto e tassa sui rifiuti: quando bisogna pagare?

La Corte di Cassazione si pronuncia sulla necessità o meno di pagare la Tari anche per i box auto.

Scade il 30 settembre il periodo ultimo per pagare la Tari, la tassa sui rifiuti. Tra le polemiche, i ritardi e le aliquote comunali, la Corte si pronuncia sull'applicabilità della tassa sui rifiuti anche ai box auto.

Il caso

È stato il Comune di Catania a ricorrere alla Suprema Corte per la Cassazione della sentenza della Commissione Tributaria Regionale della Sicilia n. 457/11/34, depositata il 21/11/2011. Con questa sentenza, si rigettava l'appello promosso dal Comune contro la precedente sentenza che accoglieva il ricorso del contribuente in merito all'accertamento sulla Tarsu (ex Tari).

Con il ricorso, il Comune assumeva la falsa applicazione degli art. 62 e 63 del D.lgs. n. 507/1993, poiché il garage era stato ritenuto come esente da TARSU, "in assenza di prova da parte del contribuente nonché di originaria denuncia". Con ordinanza n. 8245 19/02/2014, la Corte accoglieva il ricorso rigettando il precedente ricorso avverso l'avviso di accertamento della TARSU.

Esenzione da Tari

La Corte, ha quindi stabilito che il presupposto impositivo della Tarsu (art. 62, I comma, d.lgs. 507/93) è l'occupazione o la detenzione di locali e aree scoperte adibite a qualsiasi uso.

Restano escluse dall'applicabilità della Tarsu, e quindi anche dalla Tari, i locali o le aree che non possono produrre rifiuti (per loro natura o per il loro utilizzo): tali circostanze vanno indicate nella denuncia originaria o di variazione e riscontrate attraverso elementi obiettivi che possano essere rilevabili.

L'impossibilità di produrre rifiuti, quindi, non può essere ritenuta in modo presunto dal giudice, ma è onere del contribuente indicare nella denuncia originaria le condizioni del locale o dell'area scoperta con una documentazione idonea.

Leggi anche -> Tari 2014: calcolo, scadenze ed esenzioni.

Box auto: la Tari è da pagare?

Il caso specifico ci porta alla conclusione che solo i locali e le aree chiuse che non possono produrre rifiuti, per loro natura o per specifico utilizzo, sono esenti dalla tassa sui rifiuti Tari. L'esenzione però è subordinata alla prova del fatto che non vengano prodotti rifiuti.

La prova che non vengano prodotti rifiuti nell'area di riferimento deve essere quindi fornita dal contribuente nella denuncia originaria e in quella successiva.

Tag: Amministratori Condominio, box auto, Fisco e Tributi, Privati, tari, tari 2014, tassa sui rifiuti, tasse box auto

Se hai trovato utile questo articolo o hai bisogno di un chiarimento, lascia un commento nel form a fine pagina o scrivici a smartfocus@visureitalia.com.

Riproduzione riservata ©

Autore: Redazione

Redazione

La Redazione di Smart Focus è composta da esperti in fiscalità e tributi (commercialisti, fiscalisti e tributaristi), in normative e legislazione (notai ed avvocati) nonché da professionisti (ingegneri, architetti, geometri, esperti visuristi, agenti immobiliari), in grado di affrontare le tematiche di attualità economica, fiscale e tributaria con l’obiettivo di fornire sempre informazioni complete, chiare ed aggiornate in modo semplice ed immediato.

Potrebbero interessarti anche

Aggiungi un commento

TROVA CIO' CHE TI SERVE
    Visura Italia Smart Focus banner sidebar

    Iscriviti alla Newsletter

    Iscriviti per essere sempre aggiornato su attualità economica, novità fiscali e tributarie, consigli pratici su normative, leggi e tributi.

    Seguici

    smart-focus-visureitalia-banner-pubblicita